Belle, le tue padelle…

Prima raccomandazione: non fatevi tentare dalle padelle da 5 euro dai cinesi, fate un acquisto serio e ricordatevi che spesso la buona riuscita di quello che cercherete di cucinare dipende tantissimo dalle padelle, specialmente per piatti che sembrerebbero a prova di idiota, come due uova fritte o – peggio – una frittata.

Vale la stessa regola dei coltelli: non scegliete una padella a caso, ognuna ha le sue caratteristiche ed è adatta a uno scopo ben preciso.
Un buon criterio (ma non è l’unico) per capire la validità di una padella è il peso. Leggera= schifezza, Pesante= ooh yes! Facile, no?

Se siete dei ricconi comprate direttamente padelle di ghisa, quelle che pesano una tonnellata e se vi cadono le andate a recuperare direttamente dal vicino di sotto.
In queste potete cucinare roba per ore e ore, e anche se al momento pensate che non vi metterete mai a preparare una marmellata, un ragù o uno stufato fidatevi, sono la scelta migliore. E sono utilissimi in caso di aggressione, se tirate una padellata in faccia a un ladro non lo ritrovano nemmeno.
Se siete fan dei programmi di cucina saprete anche che un altro materiale ottimo per la cucina – sempre a portata di ricconi – è il rame. Ma per chi è alle prime armi non è il caso di farsi un mutuo per padelle di rame, quindi iniziamo con le cose semplici.padella

Ghisa e rame a parte, parliamo delle padelle per comuni mortali e iniziamo dal materiale: a differenza dei coltelli, a mio modesto avviso le padelle di ceramica sono molto fashion al momento ma io non le trovo granché pratiche.
E’ vero, le prime volte vi divertirete a vedere le mille sfumature rosse del sugo o le pozzanghere di olio che hanno l’effetto ottico di un trip, ma bestemmierete in sette lingue quando non riuscirete a cuocere nemmeno un uovo. E scordatevi la lavastoviglie.

Facendola breve, ecco cosa dovreste avere come kit base:

due padelle larghe per friggere. Vi chiederete: perchè due? Potete prenderne anche cinque, l’importante è che non vi limitiate a una. Se volete fare pollo fritto con patate fritte dovete cuocere in contemporanea, a meno che uno dei due piatti non vi piaccia freddo o molliccio.  Per friggere non usate padelle di ceramica, né padelle antiaderenti (il fritto resta molliccio), spesso più la padella è vecchia, nera, rigata e schifosa, più il fritto viene buono e croccante. E poi dai, il fritto è una cosa zozza, e sappiamo tutti che se riusciamo a zittire l’angioletto sulla spalla destra che ci ricorda che l’olio dopo un po’ va cambiato, diamo per una volta ragione al diavoletto sulla spalla sinistra che conosce il gusto delle frittelle e delle patatine delle fiere, cotte in olio da macchina tramandato di secolo in secolo dai venditori ambulanti. Questo non dovevo dirlo, ma il mio non è un blog di cucina raffinata e le cose un po’ zozze alla fine piacciono a tutti.

– una casseruola larga con i due manici per risotti, polenta, stufati ecc. Questa è bene che sia antiaderente e che abbia il suo simpatico coperchio, per le cotture lunghe. Trattatela con amore e attenzione, usate solo utensili in legno o teflon o plastica e vedrete che vi darà grandi soddisfazioni.

– un paio di padellini e/o casseruoline per monoporzione, che andranno bene per l’uovo al tegamino ma anche per saltarvi la vostra porzioncina (o porzionciona) di pasta quando siete soli.
Se proprio volete esagerare (e ne diventerete presto dipendenti) prendete una piccola wok (padella molto profonda usata nella cucina cinese e giapponese, sarà utilissima per friggere e per stupire con piatti esotici).

Siate previdenti e calcolate che vi potrebbe capitare di dover cucinare (raramente, ma succede) anche per 6/8 persone, quindi almeno una casseruola o padella formato gigante (che potete relegare in dispensa) vi serve.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...